“San Basilio storie de Roma” al Cinecittà Film Festival 2017

 

E’ con grande piacere che annunciamo la proiezione del documentario al Cinecittà Film Festival 2017 – Festival autogestito del cinema a Cinecittà!

Negli ultimi anni lo smantellamento di Cinecittà Studios ha subito un accelerazione provocata dalla gestione sciagurata di Luigi Abete che ha innescato un meccanismo di indebitamento grave e senza precedenti. Da 2 anni infatti si cerca di licenziare le maestranze di Cinecittà Studios con la scusa che il cinema è un settore in crisi e si tenta di realizzare un piano di rilancio basato sulla speculazione edilizia e sull’azzeramento dell’attività cinematografica favorendo un progetto che prevede 400 mila metri cubi di cemento in funzione del commercio e dell’intrattenimento.

Solo la costante lotta dimostrata dai lavoratori è riuscita ad impedire questo colpo mortale a Cinecittà che l’amministratore delegato Luigi Abete vuole infliggere con il silenzio e con la complicità troppo spesso manifestata dalle forze politiche.
Nella vertenza molti cittadini hanno contribuito alla resistenza , in particolare la rete territoriale Cinecittà Bene Comune ha affiancato le maestranze in tutte le lotte di questi ultimi anni.

Ora c’è bisogno di un ulteriore sforzo da parte di tutti quelli che vogliono salvare Cinecittà. Oltre a contrastare il piano di Abete cementificatorio , dobbiamo cominciare a scrivere un contro piano per il rilancio di Cinecittà Studios che parta dalla vera natura di questo sito produttivo conosciuto in tutto il mondo, rilanciando l’attività dell’industria cinematografica , incentivando l’ammodernamento delle attrezzature e delle strutture.
Per questo in questi mesi abbiamo deciso di far pressione sull’istituzione della Regione Lazio affinchè destini i fondi della comunità europea che gestisce per rilanciare Cinecittà Studios.

Per questo abbiamo deciso quest’estate di lanciare una provocazione, il CINECITTA’ FILM FESTIVAL un evento autogestito che vuole essere partecipato e popolare , che sappia valorizzare la grande produzione cinematografica di Cinecittà proiettando i grandi capolavori della fabbrica dei sogni italiana.

Il festival vuole essere anche un luogo di discussione e riflessione sul futuro degli Studios attraverso il coinvolgimento della cittadinanza ma anche delle istituzioni e del mondo del cinema, coinvolgendo autori, registi e attori, ma anche i sindacati, le forze politiche.

Il festival vuole creare un’occasione di incontro per la cittadinanza e di intrattenimento dove gratuitamente sarà possibile vedere i grandi capolavori prodotti a Cinecittà e godersi il parco degli acquedotti al tramonto, una location altrettanto celebre.
Sarà anche l’occasione ancora una volta, per esprimere solidarietà ai lavoratori e per difendere Cinecittà in modo concreto e visibile e per omaggiare gli stabilimenti che hanno dato il nome ad uno dei quartieri più popolare di Roma.

 

FABRIZIO VIVE, UN’IDEA NON MUORE!

 

 

 

25/4 San Basilio storie de Roma @ Bruxelles

 

Il progetto “San Basilio, storie de Roma” nasce come iniziativa di commemorazione della morte del giovane Fabrizio Ceruso e della “Battaglia” di San Basilio del 1974, una reazione allo sgombero di 150 famiglie che da più di un anno avevano occupato alcune palazzine. Il quartiere visse giorni di dura resistenza dagli assalti delle forze dell’ ordine, durante i quali, l’8 settembre, Fabrizio venne ucciso dal fuoco della polizia.

Il progetto è un tentativo di narrazione della storia dal basso, ovvero la storia applicata e diffusa al di fuori degli ambiti tradizionali. Questo approccio consente di riscoprire il giacimento storico di un territorio e/o di una comunità locale, troppo spesso dolosamente cancellato dalla classe dominante, “scrittrice” unica della storia, per rimuovere dall’immaginario collettivo memorie pericolose per il potere costituito.

San Basilio, come molte altre borgate di Roma, fu costruita durante il ventennio fascista, alla fine degli anni ’30, ed è proprio l’assetto designato originariamente per la borgata ad averne determinato la continua conflittualità dei decenni successivi. Mancanza di servizi ed infrastrutture, emarginazione, disoccupazione ed emergenza abitativa hanno segnato e continuano a segnare la storia di questo quartiere e di molte altri quadranti della città di Roma, da sempre preda della rendita fondiaria e della speculazione edilizia.

Ancora oggi, la casa è un’esigenza primaria tutt’altro che risolta, non solo nella capitale ma in tutto il Paese. Migliaia di stabili vuoti, vendita delle case popolari, prezzi proibitivi di affitti e vendite costringono tuttora molte persone ad occupare e resistere agli sfratti. Un fenomeno diffuso e in crescita che non è certo sfuggito alle formazioni di estrema destra, le quali cercano di inserirsi in questo processo portando le loro vergognose istanze nazionaliste e soffiando sul fuoco guerra tra poveri, con il chiaro intento di legittimare la propria presenza nei quartieri popolari e fare gli interessi di padroni e palazzinari.

Il trailer del documentario: https://www.youtube.com/watch?v=vikXxZQD94Y

@ Colectif Garcia Lorca, rue de Foulons 47-48, 1000 Bruxelles

h. 18:30


La proiezione del film sarà seguita da un dibattito con i/le militanti del gruppo Antifascisti Bruxelles.

Apericena e musica a seguire!